Come migliorare una struttura ricettiva già avviata

Quanto conta il DESIGN nel settore ricettivo extralberghiero?

Tra le domande che faccio ai miei clienti prima di iniziare un lavoro con loro, questa è quella che più di ogni altra mi ha spinto a scrivere questo articolo del blog: “quanto conta, per te, il DESIGN nel settore ricettivo extralberghiero?”

Mi rispondono quasi sempre ponendomi a loro volta una ulteriore domanda: “Chiara, per design intendi l’arredamento della struttura ricettiva?” (ma, in realtà, non si aspettano da me una risposta…… sono già “settati” secondo la logica comune design = arredamento) infatti proseguono: ” si l’arredamento certo, deve essere funzionale, comodo, accogliente. Mi servo in un negozio di arredamento per l’extralberghiero che mi fa un ottimo prezzo e poi ho sentito dire che basta usare qualche “trucco” di Home Staging e si ottengono risultati strepitosi”.

La prima volta è stato per me un vero e proprio shock

Mi spiego meglio.

Io sono abituata a concepire la struttura ricettiva come un ambiente omogeneo, di cui studiare tutti gli aspetti contemporaneamente: illuminazione, pavimenti, pareti, soffitti e ovviamente arredi e complementi.

Sono convinta che la struttura ricettiva deve avere un “tema” differenziante, per cui la sua immagine deve avere una COERENZA in tutti i più piccoli dettagli, proprio per rafforzare l’impatto sulla clientela.

Tutto ciò mi sembra normale e, devo dire, fino a qualche anno fa la pensavano così anche la maggior parte dei proprietari e gestori di attività extralberghiere.

Invece da un po’ di tempo le cose sembrano essere cambiate. Le strutture ricettive extralberghiere non sono quasi mai progettate e realizzate secondo un’idea complessiva. Non hanno mai un’immagine coordinata e coerente.

Sono quasi sempre un “arredamento”, a volte anche bello, a volte anche costoso. Ma un ARREDAMENTO.

Una accozzaglia di mobili, un letto, dei comodini, un quadro decorativo sopra il letto (quando va bene, altrimenti il muro spoglio). Tavolo e sedie tutte uguali, qualche luce sporadica. L’unico tocco di personalizzazione è la biancheria posta sul letto e un cesto di frutta in cucina. E basta.

I pavimenti spesso sono quelli (bruttini) tipici degli anni ’60 o finto parquet, le pareti dipinte a tinte piatte o con colori accesi a seconda del gusto del titolare (o dell’imbianchino), l’illuminazione è spesso imbarazzante, quasi sempre approssimativa, con lampade da due soldi o che c’entrano poco o niente con l’arredo.

I bagni poi sono tanto squallidi da farci rimpiangere quelli dell’ospedale. Rivestimenti in piastrelle tristi, fino a due metri d’altezza, sanitari e accessori di serie, privi di illuminazione o con luci a neon.

Quindi torno alla domanda iniziale: quanto conta il DESIGN per il settore extralberghiero?

Ascolta bene

Che sia un B&B, un Casa Vacanze, un Affittacamere o un appartamento in locazione turistica, qualunque sia l’ambito in cui è collocata la tua struttura ricettiva extralberghiera DEVE avere una IMMAGINE COORDINATA.

In questo contesto l’arredamento e la decorazione sono elementi di completamento del progetto, secondo un principio di concatenazione tra i vari componenti, e rappresentano la conclusione logica di un percorso volto al conseguimento di una unità organica e coerente.

Quindi, sì è vero che un ambiente “funzionale” è utile per vivere meglio, per lavorare meglio, per essere più ordinato e pulito.

Ma NON BASTA!

Per distinguerti dalla concorrenza, per farti scegliere dai clienti, per acquisirne nuovi ospiti (e farli tornare), ci vuole altro!!

Ci vuole un’idea differenziante, ci vuole un sistema di acquisizione clienti e un ambiente studiato in modo che, oltre ad essere funzionale, deve essere una STRUTTURA RICETTIVA con una IMMAGINE COERENTE.

Se sei convinto che il tuo B&B o Casa Vacanze “basta che sia funzionale”, rivolgiti pure al negozio di arredamento per l’extralberghiero.

Se invece pensi che ci voglia altro oggi per stare sul mercato, allora entra a far parte del programma di DESIGN Microricettivo e scopri tutti i segreti per fare sul serio con la tua attività nel settore ricettivo extralberghiero.

ACCEDI ORA e SCARICA la mia Guida Gratuita. NON perdere l’occasione di far prendere il volo alla tua struttura ricettiva